L’esigenza di una riforma del processo penale nel nostro Paese ha sempre alimentato scontri istituzionali e politici. Nell’occhio del ciclone nei mesi scorsi è finita la cosiddetta “Legge Spazzacorrotti” che ha sollevato una forte reazione dell’intera comunità dei giuristi italiani e ha portato alla sottoscrizione di un appello al Presidente della Repubblica predisposto dall’Unione delle Camere Penali italiane che ha spinto il governo a posticipare l’entrata in vigore della norma al 2020. Lo stesso Governo entro il 2020 ha annunciato di voler produrre un intervento riformatore del codice di procedura penale volto alla drastica riduzione della irragionevole durata dei processi in Italia. Ne parliamo con il penalista Massimiliano Annetta…..